Vai al contenuto

AREA RISERVATA

Accedi

BRASILE

Il paese più grande del Sudamerica fra le luminose città ed il cuore pulsante dell'Amazzonia

Caricamento in corso...
4 Risultati
Ordina per:
Nome
Prezzo
Data partenza
Filtri
Filtra per struttura
Filtra per caratteristiche
Filtra per trattamento
Filtra per città
Filtra per nazione
Filtra per prezzo

€0 €4000+
Filtra per stelle

Se si esclude l’Alaska, la superficie del Brasile è più grande degli Stati Uniti; il confine da Recife a est al Perù a ovest è più lungo di quello da Londra a Mosca, e il confine nord-sud è all’incirca alla stessa distanza di New York a Los Angeles. I brasiliani spesso dicono di vivere in un continente piuttosto che in un paese. Ed in effetti il Brasile è davvero molto esteso. Il Brasile non ha montagne che rivaleggiano con i vicini andini, ma per il resto ha tutta la diversità paesaggistica e culturale che ci si aspetta da un paese di tale estensione. E’ il paese più grande del Sud America, coprendo quasi la metà del continente e solo leggermente più piccolo degli Stati Uniti con poco più di 8,5 milioni di chilometri quadrati. Confina con tutti i paesi sudamericani ad eccezione del Cile e dell’Ecuador. Con circa 200 milioni di abitanti, è il quinto paese più popoloso del mondo.

Il Brasile ottiene quasi il 90% della sua elettricità dall’energia idroelettrica, circa il 6% dai combustibili fossili e il 6% dall’energia nucleare. Sta diventando un importante esportatore di petrolio, avendo recentemente scoperto nuove riserve al largo di Rio.
Le esportazioni brasiliane consistono principalmente in manufatti (tra cui automobili, macchinari e calzature), minerali e prodotti alimentari come caffè, carne bovina e succo d’arancia. Ma solo il 13% del PIL proviene dalle esportazioni: la crescente economia interna del Brasile è il motore della sua crescita.

Due terzi della popolazione brasiliana vive sulla costa o vicino a essa e più della metà vive nelle città, anche in Amazzonia.
Rio de Janeiro e San Paolo, sono due delle più grandi città metropolitane del mondo, ma il Brasile ha anche altre dieci città con più di un milione di abitanti. Anche se queste città metropolitanesono molto grandi, il Brasile si considera ancora un paese di frontiera e, naturalmente, più ci si addentra nell’entroterra, meno popolato diventa.Gli altri sudamericani vedono i brasiliani come una razza diversa, e la lingua ha molto a che fare con questo: i brasiliani capiscono a malapena lo spagnolo, ma gli spagnoli non capiscono il portoghese.

Anche i brasiliani hanno un aspetto diverso. Nell’estremo sud, l’immigrazione tedesca e dell’Europa orientale ha lasciato segni evidenti: San Paolo ha la più grande comunità giapponese al mondo al di fuori del Giappone, la schiavitù è dietro la grande popolazione afro-brasiliana concentrata a Rio de Janeiro,  Salvador e São Luis. Gli italiani ed i portoghesi sono immigrati in un numero tale che si sono diffusi in tutto il paese.

La rapida industrializzazione del dopoguerra ha fatto di questo paese una delle dieci economie più grandi del mondo. Anche se ci sono vaste aree rurali, è fuorviante vedere il Brasile come un paese in via di sviluppo. Il Brasile è uno dei principali esportatori agricoli mondiale e ha diverse aziende multinazionali e nazionali che competono con successo. L’ultimo decennio ha visto milioni di brasiliani entrare a far parte della crescente classe media del paese. Ma l’enorme divario sociale rimane in Brasile un dato di fatto.

Le grandi città sono punteggiate di baraccopoli, baraccopoli affollate e grattacieli, una topologia urbana molto variabile a livello regionale: i brasiliani parlano di “Svizzera” nel sud, centrata sull’asse Rio-San Paolo, e di “India” sopra di esso, anche se questa è una semplificazione , ma il livello di sviluppo economico diminuisce man mano che ci si sposta a nord oa est. Il Brasile è ricco di risorse naturali, ma il loro sviluppo non ha ricevuto i dovuti benefici. La corruzione istituzionalizzata, un settore pubblico gonfio e inefficiente e la riluttanza della classe media del paese a fare qualsiasi cosa che possa mettere a repentaglio il proprio stile di vita agiato, sono tutti parte del problema. Il livello di violenza considerato un’emergenza pubblica nella maggior parte dei paesi è fatalisticamente accettato.

Tuttavia, queste difficoltà non oscurano la vita quotidiana in Brasile, dove la violenza colpisce raramente i turisti. È giusto dire che in nessuna parte del mondo le persone si divertono di più, in particolare l’annuale Carnevale si riflette anche nella vivace vita notturna durante tutto l’anno di qualsiasi città di modeste dimensioni. Questo edonismo nazionale si riflette anche nella cultura da spiaggia altamente sviluppata del Brasile, nella musica e nei balli, nella ricca cucina regionale e nell’atteggiamento più rilassato e tollerante nei confronti della sessualità – sia gay che etero – che non ha eguali in Sud America.

Cosa visitare in Brasile
Vale la pena visitarle tutte, ma Rio de Janeiro è una meta imprescindibile. Il sud, che comprende gli stati di Paraná, Santa Catarina e Rio Grande do Sul, è la regione economicamente più sviluppata del paese e comprende la maggior parte dell’immenso bacino del fiume Paraná. Le spettacolari cascate di Iguazu al confine con l’Argentina sono una delle più grandi meraviglie naturali del Sud America.

Il Brasile centrale è dominato da un enorme altopiano di savana e scogliere rocciose, Planalto Central. Al centro c’è Brasilia, la capitale dell’era spaziale del paese, costruita da zero alla fine degli anni ’50 e ancora in crescita. La capitale è la porta d’accesso al vasto stato interno del Mato Grosso, che è stato completamente fondato e colonizzato solo negli ultimi cinquant’anni e comprende il Pantanal, la più grande zona di foresta pluviale del mondo e la più grande area di foresta pluvliale delle Americhe. Le parti settentrionale e occidentale del Mato Grosso sono delimitate dal bacino del Rio delle Amazzoni, il più grande spartiacque del mondo, costituito da giungle, fiumi, savane e paludi e che comprende anche due grandi città: Belem, alla foce del Rio delle Amazzoni e Manaus, circa 1.600 chilometri a nord del fiume. Gli affluenti dell’Amazzonia, come Tapajós, Xingú, Negro, Araguaia o Tocantins, sono quasi sconosciuti fuori dal Brasile. Ogni fiume è di per sé un enorme sistema fluviale che si estende per centinaia di chilometri.

Il nord-est è la parte del Brasile che come una curva si oppone all’Oceano Atlantico. Questa è stata la prima regione del Brasile ad essere colonizzata dai portoghesi, e la terra qui è più fitta di resti coloniali che in qualsiasi altra parte del paese, specialmente in città come Salvador e Sao Luis e la graziosa cittadina di Olinda. È una regione di contrasti: una lussureggiante costa tropicale e alcune delle migliori spiagge del Brasile hanno rapidamente lasciato il posto al Sertão, un deserto interno semi-arido afflitto da siccità e povertà dove storie antiche di banditismo sociale come Virgulino Ferreira da Silva il Robin Hood del Brasile si intersecano con le storie dei film contemporanei del quale questo particolare deserto è la location. Le principali città del nord-est sono tutte lungo la costa; le due città più grandi sono Recife e Salvador, la città con la più grande popolazione afro-brasiliana del Brasile e un’affascinante destinazione turistica. La costa nord-orientale si è recentemente sviluppata rapidamente, approfittando della sua vicinanza all’Europa per attrarre gruppi di turisti e acquirenti di case vacanza.

Il Carnevale è la festa più importante del Brasile, ma ci sono anche altre feste importanti come il giorno di Ognissanti, i festeggiamenti per le elezioni che pareggiano per folklore quelli della Coppa del Mondo.

Quando arriva il martedì grasso, la sorpresa è che per quanto possano averti preparato i ciò che accade in Brasile è molto più spettacolare, più lungo e su scala più grande. Ovunque in Brasile, sia nei piccoli paesi che nelle grandi città, c’è una qualche forma di carnevale, e in tre in particolare – Rio de Janeiro, Salvador e Olinda, appena fuori Recife – il carnevale è diventato un evento di massa, la città sembra attrarre l’intera popolazione e attrae turisti da tutto il mondo. L’ora esatta di inizio del Carnevale dipende dal calendario della chiesa: inizia a mezzanotte del venerdì prima del mercoledì delle ceneri e termina mercoledì sera, anche se le persone iniziano effettivamente a radunarsi venerdì pomeriggio, durando quattro giorni e festeggiando con incrollabile determinazione. Di solito accade a metà febbraio, ma occasionalmente può accadere all’inizio di marzo. Ma in realtà l’intero periodo che va dal Natale è un preludio al carnevale. Le persone iniziano a creare costumi, comporre canzoni e provare nei cortili e nei cortili delle scuole, quindi il martedì grasso è un momento culminante piuttosto che un’esplosione improvvisa di eccitazione e colore.

Nei fine settimana che precedono il carnevale, ci sono balli di carnevale (bailes carnavalescos), che coinvolgono il pubblico di ogni strada in una grande festa esaltante. Non aspettarti di trovare molte cose aperte o molto lavoro svolto la settimana prima o dopo il martedì grasso. Il brasile intero ha bisogno di qualche giorno di riposo per scrollarsi di dosso la massiccia sbornia collettiva. Durante il Carnevale, i negozi sono aperti brevemente il lunedì e il martedì mattina, ma le banche e gli uffici rimangono chiusi. Durante questo periodo, le compagnie aeree nazionali, gli autobus locali e interurbani forniscono servizi domenicali.

Il carnevale più familiare e spettacolare è a Rio de Janeiro, dominato dalla sfilata di samba e scuole di samba lungo l’enorme distesa di cemento del Sambódromo. Il carnevale di Rio de Janeiro, una delle più grandi attrazioni del mondo è trasmesso in televisione a livello nazionale.

Salvador è molto diverso da Rio sotto molti aspetti, con diversi punti focali che circondano il centro storico: la parata è solo uno dei tanti eventi in corso, con la gente che segue le scuole di danza della parata. Samba è solo uno dei tanti tipi di musica suonata. In effetti, se la musica è la tua passione, Salvador è il posto migliore per ascoltarla e vederla.

Ambientato in un magico ambiente coloniale fuori Recife, Olinda ha una personalità propria, non folle come Rio e Salvador; Il ritmo veloce e rotante del frevo domina ed è per certi versi l’aspetto più singolare, con le grandi figure di cartapesta che sono le caricature di personaggi contemporanei ed antichi, o anche fantastici che sono il centro della sfilata di strada di Olinda.

Ci sono alcuni posti che penseresti sarebbero abbastanza grandi da ospitare un impressionante carnevale, ma in realtà sono notoriamente brutti: tali città includono San Paolo, Brasilia e Belo Horizonte. D’altra parte, ci sono alcuni posti che hanno un carnevale migliore di quanto ci si potrebbe aspettare: Belem ha un carnevale speciale, con cibo dell’Amazzonia e ritmi di Kalimbo, e anche Fortaleza è famosa. Per quanto riguarda i carnevali, il sud, che di solito è sottovalutato dalla maggior parte, ha grandi eventi a Florianopolis, principalmente per i turisti provenienti dall’Argentina e da San Paolo, e si tiene un carnevale più piccolo ma più caratteristico a Laguna.

La terza settimana di giugno è la Giornata dei bambini, che è dedicata ai bambini, che indossano cappelli di paglia e camicie a quadri, rilasciano laterne di carta che a migliaia volano nel cielo della sera componendo costellazioni luminose di tanti piccoli punti che gareggiano con le stelle della notte.

Elezioni e Mondiali sono spesso il pretesto per celebrazioni estemporanee, mentre le celebrazioni ufficiali comprendono parate militari e discorsi patriottici, solitamente il 7 settembre (Giorno dell’Indipendenza) e il 15 novembre, anniversario della fondazione della Repubblica.

Nelle città e nelle zone rurali, si può imbattersi nel dia de festa, il giorno del santo patrono locale, un evento molto semplice con l’immagine del santo sfila per il paese, ci sono bande musicali e petardi, viene celebrata una messa di ringraziamento, e poi tutti si girano ai piaceri mondani dei bazar, dei mercati e delle bottiglie di vino. A Belém, la tradizione culmina con l’annuale festa di Cirio la seconda domenica di ottobre, quando folle di oltre un milione di persone seguono in processione la statua di Nossa Senhora de Nazaré, ma la maggior parte delle feste sono piccole e piccole attività cittadine.

Negli ultimi anni, molte città hanno creato nuovi festival, spesso fiere del settore paesaggistico o mostre agricole. Questi eventi prendono spesso il nome dai prodotti locali più importanti, come la Festa Nacional do Frango e do Peru (pollo e tacchino) che si tiene a Chapeco. A volte queste creazioni del governo locale meritano una visita, poiché alcune di esse promuovono la cultura e l’industria pop locali. Uno dei migliori eventi è l’annuale Festa Pomerana a Pomerode, che si svolge nella prima metà di gennaio e fa molto per incoraggiare la promozione delle tradizioni locali tedesche.

Il Calcio
Vai a una partita di calcio in Brasile, e anche chi è annoiato dalla partita si godrà lo spettacolo: lo stadio stesso è lo scenario, su schermi di nastri di carta e bandiere sventolanti, enormi striscioni, densi tamburi, fuochi d’artificio e petardi.
Le squadre principali del Brasile sono concentrate a Rio e San Paolo. A Rio, il Flamengo è la squadra con il più alto tasso di tifoseria del paese, e la maglia rossa e nera dell’Iron Globe si vede ovunque. Il suo scontro con i vecchi rivali del Rio Fluminense (marrone, strisce verdi e bianche) è uno dei più intensi nel calcio brasiliano per club, dopo le due squadre leader San Paolo (bianco con strisce rosse e nere. cerchi) e Corinthians (bianco). A Rio de Janeiro, il Botafogo (strisce bianche e nere con la famosa stella bianca) e il Vasco (bianco con strisce diagonali nere) hanno lottato con Fla-Flu per il predominio, mentre Palmeiras (verde) e Santos (bianco) hanno formato i Big Four Sao Paolo.Le uniche squadre che si schierano costantemente con le migliori squadre di Rio e San Paolo sono l’Inter di Porto Alegre (rossa) e Gremio (strisce blu, bianche e nere), e Belo Horizonte Atletico Mineiro (bianca) e Cruzeiro (blu scuro).

Gli stadi brasiliani tendono ad essere enormi, ma a volte pe questo, piuttosto bui e anonimi con poche eccezioni: fatta eccezione per le partite classiche, le partite tra squadre importanti, raramente sono pieni e si affidano ai tifosi, piuttosto che ai loro edifici, per colore ed atmosfera. La maggior parte dei campi ha un’ampia pedana e talvolta anche un fossato tra i tifosi, che mantiene le partite più lontane dagli spalti rispetto a quanto sono abituati i tifosi inglesi. Ma ci sono alcuni stadi che meritano una visita: il Maracanã di Rio de Janeiro, inutile dirlo, e il bellissimo Art Déco Pacaembú di San Paolo. Nessun appassionato di calcio dovrebbe lasciare Rio de Janeiro senza un fantastico tour del Maracanã, o perdere l’eccellente nuovo Museo del Calcio (Museu de Futbol) a San Paolo.

I biglietti sono economici per gli standard europei; un buon posto a un evento classico non costerà più di 50 reais, ma le partite normali ne costeranno la metà o meno: il problema è la disponibilità, non il prezzo. Per i classici, gli hotel di solito offrono un pacchetto che include trasporto, biglietti e guida per circa 100 reais in totale, che è un modo costoso di andare, ma di solito l’unica cosa pratica se non puoi ottenere i biglietti con qualche giorno di anticipo scegli. Per le partite regolari, puoi quasi sempre presentarti mezz’ora prima e cercare la bilheteria, la biglietteria solitamente solo in contanti. Tutti gli stadi sono a due piani, la maggior parte ora è per tutti i posti, ma alcuni hanno ancora terrazze sul livello inferiore: arquibancada per i posti a sedere superiori, geral per quelli inferiori. Il Brasile non ha tanti problemi con la violenza della folla come molti paesi europei, ma per sicurezza, non indossare maglie di club brasiliani: le maglie non brasiliane vanno bene e ai tifosi brasiliani non piacciono molto.

Bahia
Con oltre 1.000 chilometri di spiagge di cocco e il clima più piacevole della regione – caldo e soleggiato, ma non così afoso come altrove – Bahia è stata a lungo la destinazione più popolare del paese per i turisti stranieri. Occupa più di un terzo della parte nord-orientale del Brasile e si trova a sud degli altri stati della regione. Al centro, le montagne della Chapada Adamantina offrono opportunità mozzafiato per escursioni e arrampicate su roccia, mentre a nord, i massicci laghi di São Francisco sono ideali per la canoa e sono un luogo popolare per gli sport acquatici. La campagna girava a sud della capitale dello stato, Salvador (dove i portoghesi sbarcarono per la prima volta nel 1500), con paludi di mangrovie e località insulari in rapido sviluppo intorno alla città di Valença prima di tornare a una costa spettacolare. Anche una serie di città coloniali, tra cui San Amaro e Cachoeira, si trovano a breve distanza da El Salvador. Più a sud, Ilhéus è una fiorente località balneare, così come Porto Seguro, il cui primo insediamento precede persino Salvador. Al di là della costa, lo stato di Bahia comprende una vasta regione occidentale produttrice di grano e regioni semiaride. Il sertão bahiano è una vasta terra desertica che sostiene alcune affascinanti città: gli ex siti minerari di Jacobina e Lençóis e presso il delta del fiume di Ibotirama.

Parque Nacional da Chapada Adamantina e Capão
Istituito nel 1985 dopo diverse campagne locali, il Parque Nacional da Chapada Adamantina National Park copre più di 38.000 chilometri quadrati – più grande dei Paesi Bassi – nelle montagne a sud e ad ovest di Lençóis. Il suo suggestivo paesaggio comprende valli paludose, cime brulle e foreste di arbusti, punteggiate da bellissime cascate, fiumi e ruscelli. Gli amanti della fauna selvatica possono fare una sosta all’esclusivo Orquidario Pai Inacio, a circa 30 chilometri da Lençóis, al chilometro 232 della BR-242. Questo vivaio e giardino di orchidee è gestito da decenni da famiglie locali, quindi è possibile assistere a una varietà di esemplari molto rari.

Lençois
Ex città mineraria e un importante centro turistico della regione della Chapada Adamantina. Il nome della città, Lençois, significa “lenzuoli”, deriva dagli accampamenti che si formarono intorno allo sciopero dei diamanti del 1844. I minatori erano troppo poveri per permettersi le tende e dovevano costruire teli sui rami degli alberi. Lençóis è una bellissima città nel mezzo del magnifico Parque Nacional da Chapada Adamantina. La maggior parte dei bei vecchi edifici risalgono alla seconda metà del XIX secolo, quando la città era una fiorente comunità mineraria che attirava acquirenti di diamanti da paesi lontani come l’Europa. Situato vicino al ponte Rio Lençóis che attraversa il centro della città, il Mercado Municipal è il luogo in cui viene venduta la maggior parte dei diamanti: ha decorazioni italiane e francesi per far sentire gli acquirenti a casa. Il centro del paese si estende tra due belle piazze, Praça Otaviano Alves e Praça Horácio de Matos, ed è costituito da strade acciottolate fiancheggiate da case ottocentesche ben proporzionate a due piani con alte finestre ad arco. In Praça Horácio, il Subconsulado Francês, un tempo consolato francese, è stato costruito con i soldi di acquirenti di diamanti.

Belo Horizonte
Ad eccezione delle località costiere, è quasi del tutto fuori dalla mappa turistica. Questo è difficile da capire perché l’interno dello stato afferma di essere una delle regioni più belle del Brasile. Insediato principalmente da italiani e tedeschi, ha un’inquietante atmosfera europea: le mucche pascolano davanti a fattorie in stile tedesco e, se non fosse per il caldo, le palme, i cespugli di caffè e i colibrì che volano intorno, potresti immaginarti da qualche parte a ai piedi delle Alpi. Un gran numero di persone di Minas va a Espírito Santo per le vacanze, ma sono interessati solo alla spiaggia, che manca nell’entroterra di Minas. Questo ha il fortunato effetto di spremere tutte le folle in una fascia costiera facilmente evitabile, lasciandoti libero di esplorare l’interno. Gli unici luoghi in cui Espírito Santo differisce per dimensioni sono Vitória, una città piuttosto squallida divisa da un’ottima posizione (su un’isola circondata da montagne e affioramenti granitici) e Vila Velha, la sua città gemella altrettanto insignificante. Durante il periodo coloniale, questi erano uno dei pochi siti sulla costa che gli indiani Botocudo potevano facilmente difendere. Questo è uno dei motivi della relativa scarsità degli interni. L’altro è in montagne ripide e boscose dove il traffico è estremamente difficile. Le foreste tropicali semi-decidue che un tempo ricoprivano gran parte della costa meridionale del Brasile sono ancora intatte qui: ecco come apparivano le Minas meridionali prima della corsa all’oro. Il modo migliore per vedere la zona è aggirare le città che furono in origine colonie tedesche e italiane: Santa Teresa, San Leopoldina, Santa Maria, Domingos Martins e Venda Nova – l’ultima vicina La straordinaria parete granitica trasparente di Pedra Azul, una delle i luoghi meno conosciuti ma più spettacolari del paese.

Bacino Amazzonico
L’Amazzonia è una vasta foresta, la più grande della Terra ed ha il più ampio sistema fluviale del pianeta. Essa si estende fino ai vicini del Brasile (Venezuela, Colombia, Perù e Bolivia) e il Rio delle Amazzoni scaturisce da migliaia di sorgenti diverse. I brasiliani chamano ARio delle Amazzoni solo il tratto del fiume tra Manaus e Belém, sopra Manaus, il fiume si chiama Rio Solimós fino al confine con il Perù, dove ridiventa Rio delle Amazzoni. Otto dei 20 fiumi più lunghi del mondo si trovano nel bacino amazzonico, così come un quinto dell’acqua dolce del pianeta. La fauna che abita questa regione riserva ai bird watcher una quantità di uccelli tropicali e sub tropicali fra i quali anche le Aquile calve, Urubu, pappagalli… per quanto riguarda i pesci i Piranha sono quelli sicuramente più voraci ma c’e’ un’ampia gamma di pesci d’acqua dolce dai nomi esotici che gli indigeni cucinano con sapienza e gusto, di tutte le dimensioni. Il Rio delle Amazzoni riserva oltre all’osservazione della natura anche piatti deliziosi. l fiume è uno spettacolo meraviglioso e i numerosi insediamenti in cui attraversi o attracchi sono ipnotizzanti. Chi percorre questo itinerario ha bisogno durante il giorno di vestiti comodi e larghi per far traspirare la pelle, di notte invece vestiti caldi e a manichelunghe contro il freddo e gli insetti. Si consigliano anche coperte e qualche repellente per insetti.

Rio De Janeiro
I cittadini di Rio de Janeiro, una città di 14 milioni di persone, la chiamano Cidade Marvilhosa. Nonostante sia dilaniata dalla disuguaglianza, Rio è una città che ha stile. La sua reputazione internazionale è supportata da una serie di icone elencate come i più grandi punti di riferimento del mondo: la collina del Corcovado che sostiene la grande statua del Cristo Redentore; il pendio rotondo del Pan di Zucchero, che si erge all’ingresso della baia; Così come il famose spiagge di Copacabana e Ipanema, forse le più famose spiagge sabbiose della terra. L’atmosfera è accresciuta ogni anno dalla frenetica frenesia del Carnevale, una celebrazione esplosiva che, per molti, riassume Rio de Janeiro e i suoi cittadini, i Carioca. Il principale svantaggio di una città dal consumo eccessivo è lo sviluppo avido che ha travolto Rio de Janeiro che si contrappone ai poveri delle zone rurali in fuga dalla siccità e dalla povertà aumentano nel resto del Brasile. Gran parte del ricco e storico patrimonio architettonico della città è stato ridotto nel corso dei decenni insieme alla distruzione del suo ambiente naturale, ma adagiata sulla sponda meridionale della maestosa baia di Guanabara, Rio de Janeiro è senza dubbio uno degli scenari più belli del mondo. Estendendosi per 20 chilometri lungo la fascia alluvionale, tra il mare azzurro e le montagne boscose, le strade e gli edifici della città sono modellati intorno alle pendici delle montagne che fanno da sfondo, mentre oltre la baia ci sono molte isole rocciose circondate da sabbia bianca. Le vedute aeree di Rio de Janeiro sono mozzafiato e persino i grattacieli di cemento che dominano lo skyline della città aggiungono fascino. Ex capitale del Brasile e ora la sua seconda città più grande, Rio de Janeiro vanta un notevole patrimonio architettonico, alcuni dei migliori musei e gallerie del paese, ottimi ristoranti e una vivace vita notturna, per non parlare delle sue spiagge leggendarie. Con così tanto da vedere e da fare, Rio de Janeiro può facilmente riempire una settimana e potresti avere difficoltà a trascinarti via.
La maggior parte dei quartieri storici di Rio de Janeiro sono concentrati nel centro, e ci sono anche alcuni monumenti nei vicini quartieri di Saúde e Lapa. Scoprirai che puoi esplorare il centro città a piedi abbastanza facilmente, ma tieni presente che molte delle vecchie piazze, strade ed edifici storici sono andate perdute nella ricostruzione del XX secolo.
Dalla baia di Guanabara a Rio de Janeiro alla baia di Cepetiba a ovest, ci sono circa 90 chilometri di spiagge sabbiose, tra cui una delle spiagge più famose al mondo, Copacabana. L’identità di Rio de Janeiro è strettamente legata alle sue spiagge, che modellano la vita sociale di tutti gli abitanti della città, che le utilizzano per svago e ispirazione. Per molti rappresentano una fonte di sostentamento e intorno a loro si sviluppa una grande industria dei servizi, rivolta a coloro che vedono la spiaggia come un ambiente sociale.
Le spiagge di Rio de Janeiro possono attirare orde di turisti, ma sono prima di tutto il santuario dei Carioca. Ricchi e poveri, giovani e vecchi, tutti visitano le spiagge durante la settimana e le trattano semplicemente come parchi cittadini. La spiaggia è suddivisa in sezioni informali, ciascuna identificata da appositi pali numerati (marking post). Soprattutto a Copacabana e Ipanema, dove esiste un segmento di mercato specifico per uomini gay, famiglie, appassionati di sport da spiaggia e persino intellettuali, troverai una spiaggia sabbiosa dove ti sentirai a tuo agio in pochissimo tempo.
Essendo una delle destinazioni turistiche più esotiche del mondo e (per il Brasile) con una popolazione di classe media relativamente numerosa, i ristoranti di Rio de Janeiro offrono una varietà di cucine, dalla cucina tradizionale brasiliana alla cucina francese e giapponese. Nel complesso, mangiare fuori a Rio può essere molto costoso, ma non mancano posti economici dove pranzare o semplicemente fare uno spuntino e bere qualcosa. I carioca mangiano tardi, con ristoranti che non si riempiono fino a dopo le 21:00. Gli ultimi ordini vengono solitamente presi intorno a mezzanotte, ma ci sono alcuni posti dove puoi mangiare dopo le 2 del mattino.

Le scuole di samba, ognuna delle quali rappresenta un quartiere o un circolo sociale diverso, sono divise in tre leghe che competono per il primo posto dopo la sfilata annuale del carnevale. Le scuole di Divisione 1 si esibiscono al Sambódromo, la Divisione 2 in Avenida Rio Branco e la Divisione 3 in Avenida 28 de Setembro, vicino a Maracanã.
I preparativi iniziano l’anno prima del carnevale, poiché ogni scuola mobilita migliaia di sostenitori per produrre varie parti della loro presentazione. Si sceglie il tema, si compongono le musiche e si creano i costumi, mentre la danza è coreografata dal direttore della scuola. A dicembre erano iniziate le prove e alla vigilia di Natale il samba del nuovo anno è già nei negozi di musica.

San Paolo
lo stato più popoloso del paese e sede di gran lunga della sua città più grande, è la potenza economica del Brasile. Ha quasi la metà della produzione industriale del paese ed è anche un settore agricolo che, tra l’altro, produce più succo d’arancia di qualsiasi altro paese al mondo. La sua omonima città ospita una vertiginosa varietà di centri culturali e gallerie d’arte, e il frastuono delle sue vivaci concerti di musica può essere ascoltato in tutto il mondo. Anche se la maggior parte delle persone viene a San Paolo solo per vedere la città per affari, San Paolo ha molto di più da offrire della giungla d’acciaio al suo interno. Le spiagge a nord dell’importante porto di Santos – in particolare Ilhabela – competono con le migliori di Rio; quelle a sud vicino a Iguape e Cananeia rimangono relativamente incontaminate. Nell’entroterra, lo stato è dominato dall’agrobusiness, con campi apparentemente infiniti di pascoli, canna da zucchero, arance e soia, punteggiati da città anonime che trasformano i prodotti; inoltre, alcune imponenti fattorie dominano ancora l’economia di San Paolo e la produzione di caffè sinonimo di l’eredità lasciata dal colonialismo portoghese.

Il nord-est è una delle regioni più povere del Brasile, ma ha alcune delle coste più belle del Sud America. Nonostante la sua fiorente industria balneare, la regione, divisa politicamente in otto stati separati, non è stata coinvolta dal turismo intensivo. Ci sono grandi città lungo la costa: alcune, come Recife, Olinda, San Luis e Fortaleza, hanno una forte storia coloniale; altre, come Maceió e Natal, si sono sviluppate principalmente negli ultimi decenni. Tutti hanno le proprie spiagge cittadine e località più idilliache e deserte nascoste su e giù per la costa. Centinaia di chilometri al largo della costa di Natal in una delle migliori riserve di fauna marina del mondo, Ilha de Fernando de Noronha è una destinazione idilliaca per l’ecoturismo ed è un parco naturale di straordinaria bellezza dove osservare specie marine in acque incontaminate.

Nell’entroterra del nord-est, semi-arido, la vegetazione è scarsa e i cactus sono abbondanti. Il Sertao soffre di periodi di grave siccità, ma durante la stagione delle piogge diventa verdeggiante per alcuni mesi gloriosi. Pochi viaggiano nell’entroterra, tranne che per raggiungere Belem, alla foce dell’Amazzonia. Ma se visiti la zona, ci sono un certo numero di città mercato abbastanza fuori mano e battute dalle intemperie, come Campina Grande nello stato di Paraiba, che meritano una sosta. Piauí ospita più di un parco nazionale di straordinaria bellezza, mentre la costa del Maranhão è nota per la sua musica reggae, le spiagge sfrigolanti e l’ottimo cibo.

Pernambuco
Recife, la capitale dello stato di Pernambuco, non fu fondata, come San Luis, dai portoghesi: quando arrivarono negli anni Trenta del Cinquecento, si stabilirono nel nord, costruendo la bella città coloniale di Olinda, e portando la Gran parte del territorio circostante la terra è stata trasformata in zucchero. Un secolo dopo, gli olandesi sotto Maurizio di Nassau bruciarono Olinda, optando per costruire la loro nuova capitale Recife
Giocando a loro vantaggio, gli olandesi prosciugarono e bonificarono le pianure, e la principale prova della presenza olandese oggi non sono tanto le loro poche chiese e fortezze sopravvissute sparse su e giù per la costa quanto il nucleo della terra costruita da Recife. I portoghesi svilupparono per primi la costa a nord di Recife fino all’isola di Itamaraca, piantando canna da zucchero su ogni centimetro di terra disponibile. Questo ex villaggio di pescatori conserva ancora il suo forte olandese, che è stato costruito per proteggere le acquisizioni dalle potenze neocoloniali. Il percorso costiero a sud di Recife offre una successione di piccole città e villaggi interrtte da tratti di magnifiche spiagge orlate di palme.

Il Sud del Brasile
Gli stati che compongono il sud del Brasile – Paraná, Santa Catarina e Rio Grande do Sul – sono spesso considerati le regioni più sviluppate del paese. Il Sud è la regione più piccola del Brasile e la sua influenza economica è del tutto sproporzionata rispetto alle sue dimensioni. Ciò è in gran parte il risultato di due fattori: in primo luogo, la struttura agricola, che si basa in gran parte su unità di piccole e medie dimensioni efficienti; e in secondo luogo, una popolazione economicamente attiva la cui produzione pro capite è ben al di sopra della media nazionale. Senza la diffusa povertà riscontrata in altre parti del paese, i brasiliani tendono a pensare al sud come a una regione che ha più in comune con l’Europa o gli Stati Uniti che con il Sud America.

Serve Aiuto?