Vai al contenuto

AREA RISERVATA

Accedi

EGITTO

Le antiche vestigia di ua civiltà millenaria

L’antica civiltà egizia ha lasciato un’incredibile eredità di piramidi e templi, ma in questo paese c’è di più dei manufatti. Da Assuan, la città più meridionale dell’Egitto lungo il fiume Nilo, a una remota oasi nel deserto, i contrasti dell’Egitto riflettono la storia umana dalla preistoria ai giorni nostri. Il Cairo è una metropoli ribollente i cui bazar, moschee e fortificazioni medievali completano la Valle del Nilo con i suoi monumenti antichi e il paesaggio fluviale senza tempo.

Questo bellissimo paese, circondato dalla storia, plasmato dalla religione e intriso di maestosità senza tempo, ti toglierà il fiato.

Non trovi l’esperienza di vaiggio che cerchi?
Conattaci nel modo che preferisci. Il nostro personale è disponibile per darti tutte le informazioni delle quali hai bisogno, per disegnare il viaggio che immagini o per guidarti nella scelta degli itinerari più suggestivi.

  • Puoi riempire questo modulo
  • Puoi scriverci su whatsapp selezionando l’icona in basso a destra
  • Puoi telefonarci al +39 055 24 20 25
Caricamento in corso…
0 Risultati
Ordina per:
Nome
Prezzo
Data partenza
Filtri
Filtra per struttura
Filtra per caratteristiche
Filtra per trattamento
Filtra per prezzo

€0 €4000+
Filtra per stelle

Gli antichi templi e le necropoli

Che tu sogni di volare in mongolfiera sopra gli antichi templi e tombe della necropoli di Tebe, esplorare le bizzarre formazioni rocciose del Deserto Bianco o tuffarti tra le barriere coralline del Mar Rosso, la nostra mappa dell’Egitto ti aiuterà a pianificare il tuo prossimo avventura.

Se stai programmando un viaggio, dai un’occhiata all’itinerario dell’Egitto per saperne di più sui posti migliori dove andare in Egitto, come arrivarci e dove alloggiare una volta arrivato.

Se stai programmando un viaggio in Egitto, controlla accanto alla mappa il periodo migliore per viaggiare. Per aggiungere maggiori dettagli al tuo viaggio, leggi di più sui migliori posti da visitare in Egitto, cosa fare o scopri come arrivarci e dove alloggiare una volta arrivato.
Mappa delle regioni e delle città dell’Egitto

 

Le città, il nilo, il Mar Rosso e le tombe dei Faraoni

Il Cairo
E’ la più grande città del mondo islamico da quando i Mongoli hanno saccheggiato Baghdad nel 1258. Gli egizi avevano due nomi per la città: Masr, sia la capitale dell’Egitto che la terra d’Egitto (per gli egizi all’estero, “Masr” significa Egitto, ma in patria significa capitale), è un nome senza tempo radicato nella civiltà faraonica; un altro nome per la città, Al-Qahira (Trionfo), è particolarmente associato alle conquiste fatimidi, che ne fecero la capitale di un impero islamico, tra cui l’odierna Libia, Tunisia, Palestina e Siria, ma il nome è usato raramente in linguaggio quotidiano.

In termini monumentali, i due nomi sono simboleggiati da due punti di riferimento sorprendenti: le Piramidi di Giza ai margini del deserto occidentale e la Grande Moschea di Muhammad Ali in cima alla cittadella, un modernizzatore dell’Egitto islamico. Tra questi due monumenti si trova una vasta città, i colori della sabbia e della cenere, mondi ed epoche differenti, e grosse disuguaglianze. Tutto è racchiuso in un organismo che in qualche modo prospera nei reparti terminali: slum medievali e periferie art déco, netturbini e centri commerciali di marmo, carri trainati da asini e limousine, pietà e Said di Desmond Stewart “il giuramento di coloro che esagerano in nome di Dio”” . Il Cairo vive nelle sue stesse contraddizioni. Oggi si stima che la sua popolazione sia di circa 20 milioni, con 1 milione di pendolari giornalieri dal Delta e 1.000 nuovi arrivati ​​che fanno aumentare la popolazione. Si stima che 500.000 persone vivessero in bassi cimiteri, la famosa città dei morti . L’area verde di ogni cittadino era di 13 centimetri quadrati, non abbastanza per coprire il palmo di un bambino. I primi viaggiatori notarono che l’aria del Cairo odorava “come mattoni roventi” ma ora i turisti stanno trovando un soffocante inquinamento atmosferico causato principalmente dal traffico.

 

Il genio del Cairo è umanizzare queste inevitabili realtà attraverso rituali sociali. La rarità della violenza pubblica, non tanto la polizia armata ad ogni angolo, è molto più dovuta: quando si verifica un conflitto, la folla si raduna, trattiene entrambe le parti, le incoraggia a inveire, simpatizza con le loro lamentele e infine esorta “Maalesh, maalesh” (“Va tutto bene”). La vita quotidiana è addolcita da gesti e saluti sgargianti; la sventura evoca gratitudine per la generosità di Allah (dopotutto, le cose avrebbero potuto andare peggio). Anche i più poveri possono essere rispettati per la loro pietà: all’interno della moschea milionari e mendicanti si inginocchiano fianco a fianco.

Ottimo posto da visitare in questa parte dell’Egitto
L’esistenza di Kemet si basa su un miracolo annuale di rinascita dalla siccità, poiché il Nilo diffonde l’acqua della vita e il limo fertile sulla terra impoverita durante la stagione delle inondazioni. Dopo che l’alluvione si è calmata, i contadini (agricoltori) hanno semplicemente piantato i loro raccolti nel fango, hanno aspettato un buon raccolto e poi si sono rilassati in estate. Sebbene gli imperi sorsero e caddero, questo stile di vita rimase sostanzialmente invariato per più di 240 generazioni, fino a quando la diga di Assuan pose fine all’inondazione nel 1967 – uno spettacolo sorprendente considerando che Gesù visse solo ottanta generazioni fa in un periodo di continuità.

Quasi tutte le città del Nilo furono costruite su strati di precedenti insediamenti – faraonici, tolemaici, romani e copti – i cui antichi nomi, modificati e arabizzati, sopravvivono spesso. Dopo un secolo e mezzo di scavi da parte di più di una dozzina di paesi occidentali e da parte degli egizi dall’indipendenza, gli antichi resti della valle costituiscono il più grande museo a cielo aperto del mondo. Ci sono migliaia di tombe (più di 900 nella necropoli di Tebe nella sola Luxor) e decine di templi lungo la costa: così tanti, infatti, che la maggior parte dei visitatori si accontenta di una piccola parte di questi patrimoni.

Per godersi la valle, è meglio essere selettivi, combinare visite turistiche con gite in feluca sul fiume, girovagare per il bazar e il mercato dei cammelli o prendere parte allo strano moulid. La maggior parte dei turisti viaggia direttamente nell’Alto Egitto, prende un treno o un aereo per Luxor o Assuan, quindi fa gite di un giorno alle attrazioni vicino a entrambe le basi, in particolare il Tempio di Edfu, ed esplora i templi e i mausolei di Karnak del Nuovo Regno e la necropoli di Tebe da Luxor. Passeggia prima di uscire di casa per trovare crociere sul Nilo economiche, tramite agenti al Cairo, Luxor e Assuan, o su una barca ancorata ad Assuan, che è anche una crociera in feluca per Kom Ombo e il punto di partenza di Edfu.Più a nord, l’Egitto centrale è noto principalmente per i suoi templi ad Abydos e Dandara, ma i viaggiatori avventurosi visitano anche le tombe di Beni Hassan e la capitale di Akhenaton, Ter el Amar, le rovine di Naruto.

 

Alessandria
La seconda città più grande dell’Egitto, Alessandria, era un tempo la stella polare dell’intero mondo antico, il suo faro e la sua biblioteca un faro di illuminazione e il suo sovrano sinonimo di splendore e depravazione. Una fusione di culture greca, levantina, egiziana, ebraica ed europea, il suo cosmopolitismo è stato duramente colpito durante l’era Nasser e da allora è stato ulteriormente diluito dall’afflusso di espatriati egiziani, che si rammarica della tradizione e della curiosità culturale dei matrimoni misti. Per i nostalgici, è “The Capital of Memory”, di Lawrence Durrell, E.M. Foster e Constantine Cavafy. Se i monumenti di Alessandria sono una pallida sfumatura del suo antico splendore, la sua nuova biblioteca e il suo dinamismo culturale dimostrano che la città rimane una forza da non sottovalutare.

Per gli antichi egizi, la costa mediterranea segnava il confine del “Grande Verde”, il mare sconfinato che formava i confini del mondo conosciuto. Vita e civiltà significavano la valle del Nilo e il delta, una prospettiva che sembra ancora perseguitare il subconscio del paese. Perché, nonostante circa 500 chilometri di spiagge di sabbia bianca, aspri promontori e mari turchesi, gran parte del Mar Mediterraneo dell’Egitto è sorprendentemente vuoto e scarsamente popolato. A parte i numerosi resort che si rivolgono principalmente agli egiziani, l’unico luogo degno di nota è Alamein, il campo di battaglia della seconda guerra mondiale, dove si decise la battaglia del deserto occidentale.

Mentre l’importanza della costa è fugace e Alessandria è relativamente tardi nella fase della storia egiziana, il delta del Nilo, una delle due terre dell’antico Egitto, rimane il cuore per eccellenza del paese. Gli ex presidenti Sadat e Mubarak facevano affidamento sul sostegno di base nella loro provincia natale di Menufia, ma temevano le proteste dei lavoratori tessili nella provincia di Mahala, sede dell’industria del cotone egiziana. Il Delta è il “vero” Egitto, poco interessato dal turismo, nonostante luoghi come i palazzi ottomani di Rosetta e le antiche rovine di Bubastis e Avaris.

 

Costa mediterranea
La costa mediterranea dell’Egitto, lunga 500 chilometri, conosciuta come Al-Sahel, ha bellissime spiagge e mari scintillanti fino alla Libia. Tuttavia, molti luoghi sono ancora minati durante la seconda guerra mondiale o vietato l’accesso a causa di basi militari, e tutti i luoghi più accessibili sono colonizzati da resort che si rivolgono principalmente agli egiziani, la cui cultura balneare è così diversa da quella occidentale, tanto che la maggior parte degli stranieri preferisce Località del Sinai e del Mar Rosso.
Viaggiando tra Alessandria e i campi di battaglia di El Alamein durante la seconda guerra mondiale, si passa davanti a una serie di resort riservati all’élite della società egiziana, come l’esercito e il corpo diplomatico, e altri aperti a chiunque possa permettersi di soggiornare I resort, nonostante la loro indipendenza, in confronto, sono solo segni di degrado del paesaggio, facendo sembrare storica la località balneare di epoca coloniale di El-Agami (a 20 chilometri dal centro di Alessandria, ora un sobborgo di pendolari). Poiché l’antico faro di Abusir e le rovine della Magna di Tabosiris sono off-limits, l’unica “attrazione” accessibile è il monastero copto di St. Menas, sull’autostrada tra Alessandria e El Alamein.

 

Penisola del Sinai
La penisola del Sinai è stata la porta dell’Africa e dell’Asia sin dai tempi antichi ed è stata un campo di battaglia per migliaia di anni. Venerata per la sua posizione strategica e per le risorse minerarie, la penisola del Sinai è venerata anche da diverse culture come luogo della rivelazione di Dio a Mosè, dell’esodo dei viandanti e della fuga della Sacra Famiglia. Come scrisse Burton Bernstein, “Gran parte della storia dell’Occidente e del Vicino Oriente, reale e mitica, la tocca in un modo o nell’altro”, che è l’arrivo degli israeliti nella Terra Promessa e la presunta rotta dell’Islam verso il Nord Africa, poi teatro del conflitto crociato-musulmano e arabo-israeliano, e infine una zona smilitarizzata monitorata a livello internazionale.

Sebbene per lo più selvaggia, la penisola del Sinai è drammatica e bellissima. Nell’entroterra a sud del Sinai c’è un arido paesaggio lunare, montagne frastagliate che incombono sul monte Sinai e sul monastero di Santa Caterina, dove i pellegrini salgono dalle rovine dei cespugli ardenti fino alla vetta dove Dio ha dato i Dieci Comandamenti. Più a nord, la vasta landa selvaggia dei Wanderers ricorda le strisce colorate su una tela di Jackson Pollock. La penisola del Sinai ospita anche un gran numero di piante e fauna selvatica. Più del 60 per cento della flora egiziana prospera nell’area, che ospita 33 specie uniche, tra cui il Sinai Baton Blue, la farfalla più piccola del mondo. Nella zona abitano anche iene, stambecchi e iraci simili a conigli. Avventurati in questo “deserto” in jeep o in cammello e scoprirai anche sorgenti remote e oasi lussureggianti che ti daranno uno spaccato della cultura beduina.

Inoltre, il sud ospita le squisite barriere coralline e i pesci tropicali del Golfo di Aqaba, uno dei migliori luoghi di immersione e snorkeling al mondo. I resort sulla spiaggia di Sharm El Sheikh (compresa Naama Bay), Dahab e Nuweiba soddisfano tutti i gusti e tutte le tasche. Da Sharm El Sheikh, puoi viaggiare verso la barriera corallina più profonda dell’Egitto e la vita acquatica più diversificata, a Ras Mohammed, una mini-penisola all’estremità meridionale della penisola del Sinai, e allo Stretto di Tiran, disseminato di relitti che lottano sulla barriera corallina. Questo collegamento Stretto passaggio nel Mar Rosso e nel Golfo di Aqaba. A nord-ovest qui, il Golfo di Suez impallidisce rispetto a est, senza barriere coralline e nessun luogo di interesse per il visitatore medio, sebbene sia perfetto per windsurfisti e kitesurfisti.

Costa del Mar Rosso
Fin dai tempi antichi, la costa del Mar Rosso, che si estende per 1.250 chilometri da Suez al confine sudanese, era un tempo un microcosmo di mezzo mondo e pellegrini musulmani provenienti dall’Asia centrale veleggiavano dai suoi porti verso l’Arabia. Sebbene la pirateria e la schiavitù cessassero alla fine del 19° secolo, il contrabbando continuò ad attrarre avventurieri ed esploratori molto tempo dopo che il Canale di Suez esaurì la vitalità dei porti del Mar Rosso. Decenni dopo, con la scoperta del petrolio e la sua vulnerabilità agli attacchi dei commando israeliani, la costa ha assunto un nuovo significato. Quest’ultimo ha portato all’estrazione mineraria su larga scala, che è uno dei motivi per cui il turismo non è emerso fino agli anni ’80, anche se da allora è esploso, grazie ai resort di grande valore e ai siti di immersione superlativi della regione.

PHOTOGALLERY

Serve Aiuto?