Vai al contenuto

AREA RISERVATA

Accedi

NAMIBIA

La Namibia, il paese delle meraviglie della natura

La Namibia è un paese dell’Africa meridionale sulla costa occidentale del continente africano. Si trova sopra il Sudafrica, sotto l’Angola e ad ovest del Botswana.
È facile da esplorare, è sicuro, è bellissimo, la gente del posto è adorabile, lo scenario è vario, la fauna selvatica è eccitante e la natura si rivela in tutta la sua straordinaria bellezza. Paesaggi sconfinati, deserti, cieli profondi e e grandi fiumi la Namibia è il paese delle meraviglie della natura.

 

Caricamento in corso…
1 Risultato
Ordina per:
Nome
Prezzo
Data partenza
Filtri
Filtra per struttura
Filtra per caratteristiche
Filtra per trattamento
Filtra per città
Filtra per nazione
Filtra per prezzo

€0 €4000+
Filtra per stelle

L’Etosha National Park è l’area protetta più popolare della Namibia e il posto migliore per avvistare grandi mammiferi (inclusi quattro dei “Big Five”): è un’ossessione per molti turisti. È abbastanza possibile vedere un gran numero di animali qui, specialmente durante la stagione secca (luglio-ottobre), anche se mandrie di elefanti e bufali stanno iniziando a tornare nelle nuove riserve nella regione dello Zambesi. La Namibia ospita anche la più grande popolazione di ghepardi al mondo e ci sono diversi progetti di conservazione dei ghepardi che puoi visitare se vuoi essere quasi sicuro di vedere un ghepardo. Forse più interessante e unico per la Namibia è un tour guidato del deserto del Namib da Swakopmund, incentrato sui “piccoli cinque” della Namibia, alcune straordinarie minuscole creature che si sono adattate a questo ambiente ostile.

Con oltre 650 specie di uccelli, tra cui molti quasi endemici, la Namibia offre numerose opportunità di birdwatching. L’attività degli uccelli è al suo apice durante la stagione delle piogge (da novembre ad aprile), quando il cibo è al suo meglio e inizia la nidificazione. I migranti dall’Europa e da altre parti dell’Africa in genere arrivano in ottobre e partono intorno ad aprile. Mentre gran parte del paese ospita uccelli del deserto, Walvis Bay ospita la zona umida costiera più importante dell’Africa meridionale, che ospita circa 250.000 uccelli durante la stagione migratoria. Mentre Walvis Bay è sinonimo di fenicotteri, che costituiscono la maggioranza della popolazione e possono essere visti tutto l’anno, molti altri trampolieri e uccelli marini attirano anche birdwatcher e visitatori ricreativi. Le zone umide d’acqua dolce e i fiumi della regione dello Zambesi ospitano anche un’abbondanza di avifauna tropicale, dall’iconico falco pescatore al gruccione iridescente, alla splendida spatola e allo squalo martello. Molte delle logge lungo il fiume qui offrono tour fluviali di birdwatching. Ci sono due tour operator professionali di birdwatching a Swakopmund: Batis Birding Safaris e Safariwise offrono entrambi tour di birdwatching giornalieri e di più giorni in Namibia e oltre.

Sebbene la Namibia non sia una destinazione tradizionale per i safari, ad eccezione di Etosha, quando si tratta di osservare branchi di gnu attraversare le pianure, ci sono diversi buoni motivi per cui è il posto migliore per fare un safari, in particolare una spedizione in auto. Le strade sono generalmente in buone condizioni e per lo più adatte per la prima volta in auto; poche persone, anche in alta stagione, a differenza di alcuni dei più famosi hotspot africani per l’osservazione della fauna selvatica; e molto sicure. Inoltre, è molto divertente.

 

I parchi nazionali e altre aree protette coprono quasi un quinto della vasta massa continentale della Namibia e sono gestiti principalmente dal Ministero dell’Ambiente e del Turismo (MET).

Mentre solo l’Etosha National Park nel nord può vantare un numero davvero elevato di “big game”, i parchi e le riserve della Namibia sono noti per i loro straordinari paesaggi selvaggi, come le spettacolari dune di sabbia intorno a Sossusvlei, che è attualmente il più grande sito protetto regioni del paese, il Namib-Naukluft National Park e le coste inesplorate e inquietanti dello Skeleton Coast National Park nel nord-ovest. Tsau||Khaeb, uno dei più nuovi parchi nazionali creati nel 2009, è meglio conosciuto come Sperrgebiet; nel sud-ovest del paese, era un tempo una zona mineraria di diamanti off-limits ed è visitabile solo con una visita guidata da Luderitz. I tre grandi parchi sono ora collegati dal Dorob National Park, un parco relativamente aperto che comprende l’area intorno a Swakopmund e Walvis Bay, e non ci sono tasse. Insieme, questi quattro parchi formano il Namib-Skeleton Coast National Park, che copre l’intero tratto di 1.500 chilometri della costa della Namibia.

Altre importanti aree protette includono le spettacolari scogliere di arenaria del Waterberg Plateau Park, sulla strada a nord di Windhoek, e l’Ais/Richtersveld Transfrontier Park, che si estende dal Sudafrica al confine meridionale della Namibia, compreso il maestoso canyon del Fish River. Abbiamo raccolto le principali caratteristiche e attrazioni di ciascun parco, nonché i tipi di alloggio disponibili. Una brochure elettronica scaricabile su tutta la flora, la fauna e la geografia dei principali parchi nazionali e delle aree protette di proprietà del governo della Namibia è disponibile sul sito Web del turismo della Namibia.

Il nucleo originario del Namib-Naukluft National Park, istituito dal governo coloniale tedesco nel 1907 e successivamente ampliato, è oggi una delle più grandi riserve naturali del continente (49.768 km²) e offre scenari davvero mozzafiato. L’area è caratterizzata da formazioni rocciose alte e isolate chiamate “inselberg” o “kopjes” (quest’ultimo in afrikaans per “montagne del deserto isolate”) formate da rocce di granito rosso, l’estremità più orientale del parco è formata dalla composizione della catena montuosa del Naukluft.

Il deserto del Namib, che occupa la maggior parte del territorio del parco, è forse il deserto più antico della Terra, con un’età di circa 80 milioni di anni.Questo enorme mare di dune si estende da nord a sud lungo la costa atlantica per più di 1.600 chilometri. da ovest a est è in Varia tra 50 e 160 km. La parola “Namib” significa “spazio aperto” nella lingua Nama. Il vento è il principale responsabile della forma delle dune del Namib, e il loro colore ne indica l’età, infatti il ​​ferro contenuto nella sabbia si ossida nel tempo, conferendo alle dune del Namib il caratteristico colore rosso-arancio. Le dune del deserto del Namib si innalzano per oltre 300 metri sopra le pianure desertiche circostanti, rendendole tra le più alte del mondo. Un numero sorprendente di forme di vita si è adattato a questa regione estremamente arida, tra cui iene, sciacalli, antilopi, serpenti, coleotteri e altri tipi di insetti, mentre molte specie di specchi di uccelli sono state trovate vicino alle rare acque.Le precipitazioni molto rare (10 mm all’anno) a volte portano sollievo alla terra completamente asciutta per il resto dell’anno, anche se la nebbia che si forma sul vicino Atlantico porta regolarmente un po’ di umidità.

Oltre ai parchi e alle riserve nazionali gestiti dallo stato, la Namibia ha anche un gran numero di riserve private, spesso denominate fattorie dei visitatori, e riserve gestite dalla comunità che mirano a combinare la conservazione con iniziative di riduzione della povertà, comprese molte legate al turismo. muoversi.

Il periodo migliore
L’alta stagione turistica della Namibia è l’inverno, da giugno a settembre, che coincide con la stagione secca: poca pioggia e niente nuvole, quindi vedrai dei bei cieli notturni. La fauna selvatica è anche più facile da avvistare durante questi mesi, poiché la vegetazione è scarsa e gli animali sono costretti a riunirsi in pozze d’acqua stabilite. Soleggiato di giorno, ma le massime medie diurne sono più sopportabili – 20-30 gradi a seconda di dove ti trovi – anche se le temperature notturne scendono: in pieno inverno (giugno-agosto) le temperature possono scendere dai 5 ai 10 gradi e scendere anche sotto lo zero nei deserti e nelle zone più montuose.

 

Usi e costumi
In Namibia, come in gran parte dell’Africa, i saluti sono fondamentali per garantire buone relazioni sociali. Dovresti sempre assicurarti di salutare la persona e chiedere informazioni sulla sua salute prima di fare domande o aiutare. Ancora meglio se puoi gestirlo nella lingua locale pertinente. La stretta di mano è il modo più comune di saluto, soprattutto tra uomini, ed è sempre con la mano destra. Gli uomini usano spesso la stretta di mano africana in tre parti quando salutano altri uomini. È più probabile che le donne si salutino e gli uomini verbalmente, anche se si stringono la mano. Se in un ambiente rurale più tradizionale, i giovani potrebbero riconoscere l’anzianità con un leggero cenno del capo, un inchino o una riverenza.

Anche l’abbigliamento modesto è importante, specialmente quando si visitano le zone rurali, spesso dominate dal conservatorismo cristiano. Con il caldo estremo, potresti essere tentato di toglierti i vestiti, ma nonostante il rischio di scottature, i pantaloncini attillati vanno bene per la spiaggia ma potrebbero essere scoraggianti in paese. I signori generalmente indossano pantaloni e camicie e le donne indossano abiti che coprono spalle e ginocchia.

Nella vita di campagna, se qualcuno ti offre qualcosa da mangiare o da bere, dovresti sempre prenderlo. Quando si mangia con le mani, di solito nelle comunità rurali, anche se si è mancini, si dovrebbe mangiare con la mano destra, poiché la mano sinistra è considerata impura.

La fotografia naturalistica è fenomenale, la Namibia offre una natura surreale per la sua straordinaria bellezza e fotografare le persone è qualcosa a cui prestare attenzione, specialmente per i popoli Himba, Herero e San, i servizi fotografici tendono a dominare le interazioni a livelli allarmanti. Se vuoi scattare foto, assicurati di chiedere il permesso e solo dopo aver dedicato del tempo a interagire in modo significativo con le persone coinvolte.

Feste e celebrazioni in Namibia
Festival della banca di Windhoek. Da febbraio a settembre. Windhoek. Il festival annuale delle arti visive e dello spettacolo nella capitale culmina a settembre. Comprende il Concorso Nazionale Triennale per le Arti Visive, in cui vengono esposti i lavori vincitori.
Enjando Street Festival
Marzo. Conosciuto anche come Mbapira, il festival è una stravaganza di due giorni di musica, danza e costumi colorati che attira gruppi da tutta la Namibia.
Herero Day è la domenica più vicina al 23 agosto. Okhandja. Colorati costumi Herero, poesie e parate militari commemorano i soldati caduti nella resistenza contro i tedeschi.
Carnevale costiero, ad Agosto Swakopmund. Annuale carnevale di strada tedesco con sfilate, stand gastronomici e tante feste per adulti e bambini.
Festa della Lusata è l’ultima settimana di settembre. Villaggio di Chinchimani, a 6 km da Katima Mulilo. La tradizionale celebrazione culturale annuale del popolo Mafwe, che si tiene nel villaggio del capo tribù Chinchimani, attira Mafwe anche fuori dalla Namibia.
Oruuano al Namibia Arts Festival si svolge nel Mercato di Katutura Soweto a settembre e novembre. Organizzato dalla Namibian Union of Artists Oruuano, coinvolge molti balli e musica.
Spettacolo Windhoek è la prima settimana di ottobre. La principale fiera agricola e industriale del paese, oltre a un parco divertimenti, musica dal vivo e stand gastronomici.
Windhoek l’ultima settimana di ottobre. Importato dalla Germania, l’Oktoberfest attira una folla internazionale, offrendo birra, giochi, lederhosen, abiti Dimdl e bande di oompah.

 

Gastronomia
Mangiare e bere in Namibia è una vera delizia, soprattutto per i carnivori, in quanto il paese è famoso per la sua carne, in particolare la selvaggina. Anche sulla costa, la Corrente del Benguela offre una grande varietà di pesce fresco. Mentre la frutta e la verdura coltivate localmente sono più difficili da trovare, i grandi supermercati nelle principali città offrono una buona selezione di frutta e verdura importata dal Sudafrica.
Quella che viene spesso definita “cucina namibiana” è spesso fortemente influenzata dalle tradizioni culinarie tedesche. Nei caffè di Windhoek, Swakopmund e Lüderitz, Wiener Schnitzel e Spätzle (tagliatelle all’uovo), panini (brötchen) e torte ricche di calorie sono nel menu.
Per la maggior parte dei turisti, tuttavia, la cucina della Namibia è incentrata sulla selvaggina o sulla selvaggina: è probabile che tu veda antilopi, kudu ed eland seduti nel tuo piatto come se li vedessi dall’altra parte della strada. I frutti di mare abbondano lungo la costa: kabeljou, kingclip, nasello, passera e aragosta sono popolari, mentre le ostriche namibiane sono rinomate a livello internazionale.

Serve Aiuto?